ottobre 8, 2016

ARTE E CULTURA

Saranno numerose le proposte artistiche legate al S.E.M.I. Festival.

La serata inaugurale ci accompagnerà tra le vie del centro storico attraverso la parata “Picchett-Art” della Società Fotografica Vigevanese e la performance artistica di Luigi Della Torre “Spreco dunque sono”. Le mostre proseguiranno anche oltre il Festival fino a domenica 20 novembre.

Seguendo il percorso ideato dagli organizzatori del Festival, potrete incontrare:

outartletgallery

“FOOD is GOOD?” Outartlet Gallery – C.so Vittorio Emanuele II, 28

“Sappiamo realmente cosa mangiamo?
La mostra Food is Good? si pone proprio questa domanda e cerca di trovare una risposta o, anche solo un punto di riflessione, attraverso l’arte contemporanea, che per l’occasione si confronta sul rapporto tra il cibo e la società odierna.
Come affrontano gli artisti questo tema? Cos’è il cibo? Spazzatura? Convivialità? Passione? Droga? Buone e cattive abitudini si susseguono dandoci una panoramica interessante e stimolante.
6 artisti di fama nazionale, ognuno con una diversa sensibilità, porteranno la loro personale esperienza e ricerca, creando così un confronto tra arte e alimentazione, in una lotta che è tutta quotidiana e sociale.”

Artisti in mostra: Paolo Borile | Cesare Giardini | Roberto Mazzeo | Nicolò Tomaini | Chiara Valsecchi | Fra Vullo

scotellaro

“La Divina Comida” Associazione delle Genti Lucane Rocco Scotellaro – Via Cesarea, 49

“La Divina Comida è una mostra conviviale sul tema dell’alimentazione e sulla consapevolezza del cibo nella società contemporanea, sempre più improntate verso una produzione sintetica del nutrimento destinato all’umanità. La visione poetica degli artisti, attraverso video e fotografie, indaga i contenuti dell’arte transitando per i territori e le terre di confine, oltre le quali La Comida contempla la dimensione del pensiero immaginifico e pone problematiche creative sulla capacità di rigenerare il nostro modello di vita e di consumo. Il risultato di questo incontro è un paesaggio inconsueto da cui si e aprono alla nostra comprensione prospettive e attitudini culturali trasposte oltre alla materialità stessa del rito del mangiare e del pane quotidiano.”

Artisti in mostra: Marco Favazzi | Duilio Forte | Raluca Andreea Hartea | Daniela Pellegrini | Pablo Stomeo e Claudia Marzocchi

contarte-piccolo

 

 

 

 

“AgriCultura. L’arte ci aiuta a capire” Spazio Contarte – Via Del Popolo, 17

“Il cibo, l’uomo, il pianeta. Questi sono i tre temi fondamentali su cui si sono cimentati gli artisti presenti in mostra. Dalle installazioni alle sculture, dalla pittura alla fotografia, ogni artista indaga il rapporto tra i protagonisti del S.E.M.I. Festival. Il grande divario tra nord e sud del mondo, lo spreco e la fame, la natura e lo sfruttamento saranno oggetto di ricerca artistica per aiutare lo spettatore a comprendere quale possa essere la migliore strada percorribile per una maggiore consapevolezza dell’uomo nel mondo.”

Artisti in mostra: Mario Di Lorenzo | Marica Moro | Sonja Quarone | Francesca Maria Rodi | Laura Zeni

ar-co

“Gran bluffet” Associazione Ar.Co. – Via Saporiti, 6

“L’artista Evuz comporrà una installazione grande quanto lo spazio Ar.Co. con le opere di artisti come Nick Jobbs, Giuse Albani, Giuse Iannello e Paolo Vecchio, per poter esaminare diversi aspetti legati al tema del S.E.M.I. Festival. Dalla nefasta correlazione tra industrializzazione selvaggia e cibo, alla perversa spirale tra cibo trattato chimicamente, semenze OGM e industria farmaceutica, ma anche il bombardamento psicologico pubblicitario esercitato dalle grandi industrie alimentari.”

Artisti in mostra: Giuse Albani | Gi anni De Paoli | Evuz | Giuse Iannello | Nick Jobbs | Paolo Vecchio

logopositivo_festivallogo-sfvlogo   logo_gfpi_vett

“El costo humano” Strada Sotterranea Castello Sforzesco – Via XX Settembre

“Questo reportage porta alla luce gli effetti dell’uso delle colture geneticamente modificate e il conseguente impiego indiscriminato di diserbanti, il cui devastante impatto colpisce le fasce più vulnerabili della popolazione. Nel 1996 il governo argentino approvò in soli tre mesi, grazie ad una procedura amministrativa, la coltivazione di soia transgenica e l’impiego dell’erbicida glifosato su coltivazioni geneticamente modificate resistenti al diserbante. Da allora l’Argentina è diventata terra di sperimentazione per le multinazionali dell’agribusiness, divenendo uno dei maggiori produttori di soia transgenica. L’Argentina ha approvato l’impiego di OGM senza condurre indagini interne e basandosi, come unica evidenza scientifica, sulle ricerche pubblicate dall’azienda Monsanto. Piovano ha passato lunghe giornate per conto suo, viaggiando per più di 6000 km in un’auto di venti anni fa con un solo obiettivo: dare voce a quelle fasce disperate della popolazione che per troppo tempo sono rimaste inascoltate, per porre fine a tutto questo. Con una macchina fotografica in mano continua a difendere i loro diritti, raccontando questa storia attraverso le sue scioccanti e delicate immagini. P.E. Piovano”

Artisti in mostra: Pablo Ernesto Piovano

A cura di Società Fotografica Vigevanese | Festival della Fotografia Etica | Progetto Immagine

sfv

“SEMI-CONSAPEVOLI”  Strada Sotterranea Castello Sforzesco – Via XX Settembre

“I lavori fotografici esposti in mostra sono il risultato di ricerche artistiche che vogliono spingere chi osserva ad una riflessione necessaria sulla salvaguardia ambientale e sul consumo irresponsabile di cibo. E’ infatti necessario nel breve termine ritrovare una maggiore coscienza etica che influenzi parti sempre più ampie di popolazione.”

Artisti in mostra: SFV | Valerio Incerto | Nik Palermo | Daniela Pellegrini | Mauro Pinotti | Paola Rizzi

dinamo

Inoltre il Distretto Neorurale delle Tre Acque di Milano vi aspetta con la mostra “Il Paesaggio siamo NOI!” una mostra fotografica che racconta il nostro paesaggio in rapporto con l’uomo.